AREA RISERVATA AGLI ASSOCIATI

News dalla 119 alla 128

News
Condividi su Twitter Condividi su Facebook Invia per email
CIGD in deroga - Nuovi requisiti di accesso e di durata
Data: 18/08/2014

Con il decreto interministeriale n. 83473 del 1° agosto 2014, pubblicato sul sito del Ministero del Lavoro, sono stati definiti i nuovi criteri per l’accesso alla cassa integrazione e alla mobilità in deroga.

In particolare, con riferimento alla cassa integrazione in deroga, si assiste ad una stretta sui criteri di accesso: è ora richiesta un’anzianità contributiva presso l’impresa di almeno 12 mesi alla data di inizio dell’intervento, anzianità ridotta, per il solo 2014, ad almeno 8 mesi.

La durata del trattamento si riduce dai 12 mesi prorogabili previsti dalle previgenti regole al limite massimo di 11 mesi per il 2014 fino a non più di 5 mesi per il 2015.

Anche la procedura per la richiesta del trattamento subisce delle modifiche: la domanda, corredata dall’accordo, va presentata dall’azienda, in via telematica, all’INPS e alla Regione, entro 20 giorni dalla data in cui ha avuto inizio la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro. L’azienda deve però aver previamente utilizzato gli strumenti ordinari di flessibilità, inclusa la fruizione delle ferie.

Per quanto concerne, invece, la mobilità in deroga, potranno accedervi, fino al 31 dicembre 2016, i lavoratori disoccupati privi di altra prestazione collegata alla cessazione del rapporto di lavoro. In questo caso, la durata del trattamento varia in funzione del fatto che i beneficiari abbiano o meno già fruito di prestazioni di mobilità in deroga per oltre 3 anni e delle aree di residenza, in misura decrescente dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2016.

L’adozione del Decreto interministeriale si colloca nell’ambito del processo di graduale transizione verso il nuovo regime degli ammortizzatori sociali delineato dalla Riforma Fornero, che, all’art. 2, comma 64, a fronte del perdurare dello stato di debolezza dei livelli produttivi del Paese, per gli anni 2013-2016, consente ancora la concessione di trattamenti salariali in deroga in attesa che si perfezioni il sistema dei Fondi di solidarietà bilaterali.

Il Decreto Interministeriale sopra citato stabilisce che il trattamento di integrazione salariale in deroga può essere concesso o prorogato ai lavoratori subordinati, con qualifica di operai, impiegati e quadri, ivi compresi gli apprendisti e i lavoratori somministrati:

- in possesso di una anzianità lavorativa presso l’impresa di almeno 12 mesi (ridotta, per il solo 2014, ad almeno 8 mesi) alla data di inizio del periodo di intervento di cassa integrazione guadagni in deroga. In precedenza era richiesta la sola anzianità aziendale di 90 giorni;

- sospesi dal lavoro o che effettuano prestazioni di lavoro a orario ridotto per contrazione o sospensione dell’attività produttiva per le seguenti causali:

situazioni aziendali dovute ad eventi transitori e non imputabili all’imprenditore o ai lavoratori;

situazioni aziendali determinate da situazioni temporanee di mercato;

crisi aziendali;

ristrutturazione o riorganizzazione.

In nessun caso, ora, il trattamento di integrazione salariale in deroga può essere concesso nell’ipotesi di cessazione dell’attività dell’impresa o di parte della stessa.

Durata del trattamento

Per le imprese non soggette alla disciplina in materia di CIGO o CIGS e alla disciplina dei Fondi di solidarietà bilaterali, in relazione a ciascuna unità produttiva, il trattamento di cassa integrazione guadagni in deroga può essere concesso:

- a decorrere dal 1° gennaio 2014 e fino al 31 dicembre 2014, per un periodo non superiore a 11 mesi nell’arco di un anno;

- a decorrere dal 1° gennaio 2015 e fino al 31 dicembre 2015, per un periodo non superiore a 5 mesi nell’arco di un anno.

Per le imprese soggette alla disciplina in materia di CIGO o CIGS e alla disciplina dei Fondi di solidarietà bilaterali, il superamento dei limiti temporali disposti dalla legge (art. 6, Legge n. 164/1975 e art. 1, Legge n. 223/1991, può essere disposto unicamente in caso di eccezionalità della situazione, legata alla necessità di salvaguardare i livelli occupazionali, e in presenza di concrete prospettive di ripresa dell’attività produttiva e comunque nel rispetto dei seguenti limiti:

- a decorrere dal 1° gennaio 2014 e fino al 31 dicembre 2014, il trattamento di cassa integrazione guadagni in deroga può essere concesso per un periodo non superiore a 11 mesi nell’arco di un anno;

- a decorrere dal 1° gennaio 2015 e fino al 31 dicembre 2015 per un periodo non

superiore a 5 mesi nell’arco di un anno.

Nel computo dei periodi sopra indicati si considerano tutti i periodi di fruizione di integrazione salariale in deroga, anche riconducibili a diversi provvedimenti di concessione o proroga.

Fanno parte del Sistema Artigianato Trentino
Fanno parte del Sistema Confartigianato
 
Certificazioni

 
© 2016 - Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento
via Brennero 182, Trento - Tel.+390461803800 -Fax +390461824315 -info@artigiani.tn.it P.IVA 00469060222
termini e condizioni | Social Media Policy | cookie policy | site map
realizzato da Net Wise