AREA RISERVATA AGLI ASSOCIATI

News dalla 45 alla 54

News
Condividi su Twitter Condividi su Facebook Invia per email
Detrazione per spese di ristrutturazione e termini di accertamento
Data: 16/11/2015

Uno degli aspetti più problematici riguardanti le spese che danno diritto alla detrazione per recupero patrimonio edilizio e risparmio energetico (50% e 65%) è che la detrazione è spalmata su 10 anni.

Ne deriva la teorica possibilità che l’ente accertatore, magari al decimo anno, richieda contesti la detrazione con effetti retroattivi.

Tale possibilità collide con la regola generale riferita ai termini di accertamento che, ordinariamente, scadono al quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione.

In merito a tale aspetto la Commissione tributaria regionale della Lombardia con sentenza n. 2597/49/2015 ha stabilito che il termine per potere disconoscere le detrazioni a seguito di accertamento decorre dall’anno in cui sono state sostenute (e quindi dalla prima dichiarazione). Il fatto che la detrazione sia ripartita in più anni non consente l’ampliamento temporale del potere di accertamento dell’ufficio.

Ne deriva che, secondo la sentenza, scaduto il termine per l’accertamento della dichiarazione in cui è stata inserita per la prima volta la detrazione, la detrazione non può più essere contestata.

Naturalmente è da considerare che è una sentenza e che quindi non è generalizzabile in quanto riguarda un caso singolo; è tuttavia meritoria in quanto affronta un tema in discussione.


Riferimento per la notizia
Alessandro Tonina
0461-803995
Fanno parte del Sistema Artigianato Trentino
Fanno parte del Sistema Confartigianato
 
Certificazioni

 
© 2016 - Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento
via Brennero 182, Trento - Tel.+390461803800 -Fax +390461824315 -info@artigiani.tn.it P.IVA 00469060222
termini e condizioni | Social Media Policy | cookie policy | site map
realizzato da Net Wise