AREA RISERVATA AGLI ASSOCIATI

News dalla 56 alla 65

News
Condividi su Twitter Condividi su Facebook Invia per email
Lavori su parti comuni - condominio minimo
Data: 08/10/2015

Nei condomìni dove non vi è un amministratore (tipicamente quelli con meno di nove comproprietari) le spese su parti comuni che danno diritto a detrazioni (50% e 65%) venivano documentate con fatture intestate ai singoli condomini.

Tipicamente nella villetta bifamiliare il rifacimento del tetto veniva regolato con due fatture a ciascuno dei due proprietari.

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente sostenuto che per poter fruire della detrazione IRPEF per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio effettuati sulle parti comuni condominiali o per il risparmio energetico su parti comuni (tipicamente gli interventi che danno diritto alla detrazione del 50% o del 65%) è sempre necessario che i relativi documenti siano intestati al condominio. Ne deriva che anche i condomini “minimi” sono obbligati a richiedere un codice fiscale. La relativa fattura sarà quindi emessa a carico del condominio e non dei condomini.

L’Agenzia fornisce anche indicazione per sanare le spese sostenute nel 2014 qualora non sia stata rispettata tale (inutilmente pesante) procedura.


Riferimento per la notizia
Alessandro Tonina
0461-803995
Fanno parte del Sistema Artigianato Trentino
Fanno parte del Sistema Confartigianato
 
Certificazioni

 
© 2016 - Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento
via Brennero 182, Trento - Tel.+390461803800 -Fax +390461824315 -info@artigiani.tn.it P.IVA 00469060222
termini e condizioni | Social Media Policy | cookie policy | site map
realizzato da Net Wise