MOCA: proroga termini comunicazione ASL da parte dei produttori

Il Decreto Milleproroghe, varato in via definitiva il 20 settembre 2018, proroga i termini per adeguarsi alla norma che disciplina i materiali e gli oggetti destinati alla conservazione e all’uso di prodotti alimentari, i cosiddetti Moca.

Grazie all’azione di Confartigianato, le imprese produttrici di Moca avranno 4 mesi (indicativamente fino al 18 gennaio 2019) per poter comunicare alle Asl competenti per territorio l’attività degli stabilimenti presenti ed evitare così le rigide sanzioni previste dalla legge del 2017:

«3-bis. Per i produttori artigianali che già operano è prevista la riapertura dei termini di cui al comma 3 per un periodo di centoventi giorni a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione».

Ricordiamo che l’art. 6, comma 3 del Decreto legislativo 10 febbraio 2017 nr. 29, prevede che – per consentire la effettuazione di controlli ufficiali conformemente alle disposizioni di cui al Regolamento (CE) n. 882/2004 – gli operatori economici dei materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti comunicano all’autorità sanitaria territorialmente competente gli stabilimenti che eseguono le attività di cui al Regolamento (CE) 2023/2006, ad eccezione degli stabilimenti in cui si svolge esclusivamente l’attività di distribuzione al consumatore finale (dove si svolge cioè esclusivamente attività di vendita al dettaglio).

In allegato il testo del Dlgs 29/2017, la circolare esplicativa del Ministero della Salute del 28/7/2017 e il modello di comunicazione all’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

circolare minsalute 28.7.2017

Decreto Legislativo 10 02 2017 n. 29 SANZIONI MOCA (1)

MD-ALI-67 Comunicazione MOCA

 

 

DATA DI PUBBLICAZIONE

01.10.2018

REFERENTE

Veronica Costa
Categorie

CONDIVIDI LA NOTIZIA