Caro materiali: al via le compensazioni per il recupero dei costi

Ecco le modalità operative per il calcolo della compensazione

A pochi giorni dalla pubblicazione del Decreto 11 novembre 2021 (vedi qui la news di approfondimento) che contiene l’elenco dei materiali da costruzione che hanno subito aumenti di costo significativi, il Ministero ha pubblicato una nuova circolare con la quale ha fornito le modalità operative per il calcolo e il pagamento della compensazione dei prezzi a favore delle imprese.

Segnaliamo in particolare alcuni importanti chiarimenti contenuti nella circolare ministeriale:

  • E’ stato chiarito che la Direzione Lavori ha l’onere di accertare le quantità dei materiali contabilizzate. Non è quindi onere dell’impresa calcolare le quantità e gli incrementi subiti.Il modello di istanza di compensazione (di cui vi avevamo trasmesso un fac-simile) potrà quindi essere semplificato.Il nuovo fac simile di istanza semplificato verrà inviato via email a tutte le ditte associate.
  • La variazione percentuale individuata nel decreto va applicata al prezzo medio rilevato dal Ministero per il singolo materiale da costruzione (e non sul prezzo di offerta/contratto);
  • La variazione percentuale deve essere epurata dall’alea a carico dell’appaltatore prevista dalla norma: quindi le percentuali indicate dal decreto per l’anno 2021 sono ridotte di -8% (che rappresenta una specie di franchigia a carico dell’appaltatore);
  • La circolare chiarisce le modalità operative del calcolo (sia per appalti a corpo che per appalti a misura) ed offre due esempi pratici per lo stesso.

Per ulteriori approfondimenti sul tema e per gli esempi pratici di calcolo, leggi la circolare ministeriale allegata.

Anche la Provincia ha pubblicato la propria circolare di chiarimento, alla quale si rinvia per ulteriori approfondimenti.

DATA DI PUBBLICAZIONE

26.11.2021

CONDIVIDI LA NOTIZIA