AREA RISERVATA AGLI ASSOCIATI
sei in: Home > Categorie ed Aggregazioni > Categorie > Trasporto > Autotrasportatori > News > Autotrasporto-Il Governo riduce gli importi deducibili. Comini “Artigiani pronti alla mobilitazione”

News dalla 49 alla 58

News
Condividi su Twitter Condividi su Facebook Invia per email
Autotrasporto-Il Governo riduce gli importi deducibili. Comini “Artigiani pronti alla mobilitazione”
Data: 09/07/2015

L’Associazione Artigiani condanna fermamente le improvvise misure stabilite dal Governo sulle deduzioni per spese non documentate.

“Non intendiamo subire passivamente le scelte imposteci e siamo pronti a mobilitare drasticamente l’intera categoria, non escludendo il fermo dei servizi." Così si esprime il presidente provinciale degli autotrasportatori Claudio Comini, componente anche della Giunta nazionale di Confartigianato Trasporti.

Veniamo ai fatti. Con un ritardo di oltre un mese rispetto al consueto, solo dopo pressanti e insistenti richieste di incontro rivolte da Confartigianato ed altre associazioni di categoria, ed appena 3 giorni prima della scadenza fissata per il pagamento delle tasse, il Governo, attraverso l’Agenzia Entrate, ha reso noto l’importo delle deduzioni delle spese non documentate spettante alle aziende di trasporto di merci per conto terzi. Ma la vera ed amara sorpresa sta nel fatto che, il Governo, facendo letteralmente marcia indietro, ha disatteso quanto concordato nei mesi scorsi, ed ha drasticamente ridotto gli importi giornalieri delle deduzioni.

“Siamo letteralmente infuriati – sbotta il Presidente degli Autotrasportatori Comini –. E’ una misura inammissibile, che mette a dura prova le già traballanti economie del settore e che colpisce i nervi già tesi della categoria”. “Il Ministero – prosegue- non ha tenuto minimamente conto che questo improvviso provvedimento prenderà di mira, e probabilmente fenderà il colpo fatale, a tutto il comparto degli autotrasportatori artigiani che basano la loro attività unicamente sul proprio lavoro e quello dei loro collaboratori”. “Ogni giorno cerchiamo di contrastare la sleale concorrenza straniera subita sotto gli occhi di tutti – spiega il presidente- e veniamo ripagati con questa moneta. L’ennesima mazzata che questo Governo riserva ai piccoli imprenditori artigiani, dato che ormai da anni, le deduzioni forfettarie rappresentavano una vitale boccata d’ossigeno rispetto all’asfissiante pressione fiscale subita.”

“Ma come si suol dire, -conclude Comini- oltre al danno, anche la beffa! Queste nuove misure imposte dal Governo per mano dell’Agenzia delle Entrate, comporteranno un insostenibile aumento delle tasse e, come se non bastasse, la notizia è arrivata appena 3 giorni prima della scadenza per il primo pagamento. Ciò annulla di fatto ogni possibilità o residua speranza di pianificazione finanziaria della propria azienda, rendendo impossibile ai più far fronte alle già esigue riserve di liquidità”.

Autotrasporto trentino più sinergico

Si sono incontrati ieri i Presidenti dei Trasportatori aderenti ad Associazione Artigiani, Confindustria e Fai. Dall’incontro è emerso un unanime intento delle tre sigle di operare congiuntamente al fine di tutelare la categoria a livello provinciale. I temi trattati durante l’incontro hanno riguardato la concorrenza sleale - in particolare dei vettori stranieri - il problema dei concordati, le modalità di controllo dei veicoli e si è ragionato rispetto all’esigenza di operare in maniera unita.


Riferimento per la notizia
Andrea de Matthaeis
0461-803715
Fanno parte del Sistema Artigianato Trentino
Fanno parte del Sistema Confartigianato
 
Certificazioni

 
© 2016 - Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento
via Brennero 182, Trento - Tel.+390461803800 -Fax +390461824315 -info@artigiani.tn.it P.IVA 00469060222
termini e condizioni | Social Media Policy | cookie policy | site map
realizzato da Net Wise